Login  Registrazione  mercoledì 15 agosto 2018  
link Riduci
Hai un sito/blog che tratta di argomenti simili ai nostri?
Contattaci se sei interessato a uno scambio link in Home

FEED Riduci
Vuoi conoscere tante novità utili per la tua salute? Visita Psiche e Soma, il blog di psycosomatica.it

     
 


Colesterolo


Il colesterolo è una molecola lipidica sterolica indispensabile per la vita umana ed animale. Il colesterolo è trasportato nel sangue da due Lipoproteine: LDL (colesterolo “cattivo”) ed HDL (colesterolo “buono”). 
Il colesterolo di per sé non è nocivo, anzi è una molecola fondamentale per una vita sana.

E' importante sapere che il colesterolo è prodotto dal nostro corpo per l’80% ( per sintetizzarlo si parte dai glicidi e si ha bisogno dell' enzima HMG-CoA-reduttasi, attivato dall'insulina  ) mentre è solo il 20% la quota che assumiamo con la dieta.
La maggior parte del metabolismo del colesterolo avviene nel fegato. Il contenuto di colesterolo nell'organismo umano è di ca. 150 grammi.

Fino a qualche anno fa si dava molta importanza al Colesterolo Totale considerando come valori limite 240 mg/dl ( o 180 in caso di fattori di rischio cardiovascolare di coronaropatia già in atto), e Colesterolo LDL con valori limite di 160 mg/dl.
Negli ultimi anni la comunità scientifica internazionale ha concentrato l'attenzione sul rapporto Colesterolo Totale/HDL definito Indice di Rischio il cui valore deve essere inferiore a 5 per gli uomini e a 4,5 per le donne. Quindi un individuo con 260 mg/dl di colesterolo totale ma con il Colestrolo  "buono" a 90 mg/dl  avrà un Indice di Rischio pari a 2,88 e quindi è meno a rischio di una persona con 200 mg/dl di colesterolo totale e 50 mg/dl di dicolestrolo HDL (Indice di rischio 4).

Va fatto notare che il colesterolo non è il Fattore di rischio cardiovascolare più importante. Oltre alla ipercolestrolemia infatti ci sono: Fumo, Diabete, Ipertensione ed Obesità. Merita un piccolo approfondimento l'obesità: va considerata come patologia sistemica a tutti gli effetti, in grado di aumentare il rischio di eventi coronarici anche in assenza degli altri fattori di rischio; molto probabilmente il non inserirla fra i fattori di rischio classici è il motivo per cui si è attribuito un ruolo erroneamente troppo importante alla colesterolemia. Non ci sono, infatti, studi sul colesterolo effettuati su soggetti normopeso.

Alimentazione e Stile di vita

Una alimentazione normocalorica (che presuppone una quota non elevata di alimenti grassi), una limitazione dei cibi contenenti la dizione generica grasso o olio vegetale, l’ eliminazione dei cibi contenenti grassi idrogenati e delle margarine e l’assunzione di grassi polinsaturi (ad esempio olio di semi premuti a freddo) risolvono il problema, riportano l'indice rischio sotto i valori di attenzione. Importante è anche il consumo di carboidrati: non deve superare il 50% all’interno della nostra dieta giornaliera  e vanno privilegiati quelli non raffinati (Riso o pasta integrale; zucchero di canna). In questo modo diminuiremo i valori del colesterolo “cattivo”.

Anche lo stile di vita svolge un ruolo fondamentale; meglio abolire sigarette e diminuire l’uso del caffè e soprattutto praticare un’ attività fisica regolare ( esercizi aerobici almeno 3 volte a settimana). Così facendo aumenteremo i valori del colesterolo “buono”.

Infine una considerazione sugli alimenti e sugli integratori che promettono di ridurre il colesterolo:  se si segue una dieta normocalorica e una regolare attività fisica non hanno alcun senso, in quanto conosco personalmente chi pur di continuare a mangiare in modo sregolato si ingozza di tè verde o di yogurt "ammazzacolesterolo"....intendiamoci all'interno di una dieta seria possono essere d'aiuto, almeno all'inizio (quando cioè i valori sono ancora molto alti e li si voglia abbassare un po' più velocemente) il tè verde o anche i probiotici tipo l' Acidophilus DDS-1 che insieme agli enzimi alimentari, tipo la lipasi, favoriscono una migliore digestione dei grassi.

Terapia

Terapia non farmacologica:
Aromaterapia: Rosmarino, Limone, Vischio
Cromoterapia: Verde, in forma di luce e acqua solarizzata
Cristalloterapia: Magnesite
Fitoterapia: Elicriso, alghe Klamath
( riccha in acidi grassi essenziali capaci di riequilibrare LDL e HDL), Olio algale
Metalloterapia: Cromo, cloruro di Magnesio
Musicoterapia: FA (Chopin concerto n.2 op.21) LA (Beethoven sonata n.12 op.26)
Oligoelementi: Magnesio, Cromo, Zinco
Omeopatici: China, Podophyllum
Vitamine: C, complesso B.

Terapia farmacologia:

I farmaci più utilizzati sono le statine, inibitori competitivi del HMG-CoA-reduttasi. Sono più efficaci di altri classi di farmaci nel ridurre il livello di Colestrolo LDL, ma meno efficaci dei Fibrati nel ridurre i livelli di trigliceridi e incrementare quelli di colestrolo HDL.
Le principali statine in commercio sono; Atorvastatina, Fluvastatina, Pravastatina sodica, Simvastatina.
Sono controindicate in corso di malattia epatica attiva, in gravidanza e durante l'allattamento.
Fra gli effetti indesiderati il più importante è quello sulla muscolatura liscia con episodi riportati di mialgia, miosite e miopatia. I pazienti devono comunicare IMMEDIATAMENTE l'insorgenza di dolori muscolari inspiegati, debolezza e stanchezza.

Si usano anche le resine, i fibrati e l' acido nicotinico.

La terapia Farmacologica deve essere presa in considerazione solo quando non si è riusciti a seguire una dieta o quando questa non abbia dato nessun risultato, ciò significa che molto probabilmente ci troviamo di fronte a difetti genetici curabili solo con i farmaci consigliati saggiamente dal vostro Medico di famiglia. 

Bibliografia

·  J. McCormick, P. Skrabanek: Coronary heart disease is not preventable by population interventions. Lancet 1988 / II / p. 839
·  High Lipoprotein-Associated Phospholipase A2 Is a Risk Factor for Recurrent Coronary Events in Postinfarction Patients.Clin Chem. 2006 May 18;
·
  Luigi Gallo, Blog Protonutrizione, Post dell' 16/05/06.

·  Katan MB, Grundy SM, Jones P, Law M, Miettinen, T, Paletti R. Efficacy and safety of plant stanols and sterols in the management of blood cholesterol levels. Mayo-Clin-Proc. 2003 Aug; 78(8): 965-78.
·  Etiopathogenesis of atherosclerosis--a clinical problem that is still relevant.Pol Merkuriusz Lek. 2006 Feb;20(116):133-8.
·
Wikipedia

·  Prontuario di Terapia Medica Integrata, D. Iero, Ed. Prima

Articolo scritto dal Dr. Daniele Aprile
Ultima revisione 24/03/2008



 
Stampa    
     
mineralogramma Riduci
Cos'e` l' Analisi Minerale del Capello o mineralogramma?

L'Analisi Minerale del Capello è un test analitico che saggia la composizione minerale del capello. Il Mineralogramma interpretato correttamente può fornire indicazioni del bilancio minerale, delle carenze o dell'eccesso di molti microelementi essenziali e tossici. Questo test quindi può aiutare seriamente il medico nel capire lo stato di salute e nutrizionale del paziente.

Trovate tutte le informazioni per eseguire il test alla pagina Mineralogramma

classifica Riduci

TEST COLESTEROLO Riduci
TEST RISCHIO COLESTEROLO

Il colesterolo è uno steroide . Il nome proviene dal greco chole (bile) e stereos (solido).
Il colesterolo è indispensabile per la vita animale e umana.
L'uomo produce per biosintesi autonoma la maggior parte del colesterolo necessario, negli adulti tra 1 e 2 grammi al giorno. Solo una piccola parte (in media 0.1 fino 0.3, massimo 0.5 grammi) viene assunto con l'alimentazione: la maggior parte del metabolismo del colesterolo avviene nel fegato. (solido) e la sua presenza era già stata riscontrata nei calcoli della cistifellea già nel 18mo secolo. Il colesterolo è un grasso puramente animale: le piante
non contengono colesterolo ma altre sostanze lipidiche strutturalmente simili (fitosterine) (wikipedia.org)



1. Fumi?

Si
No
2. La tua pressione sanguigna supera i 140/90 o assumi farmaci per il controllo della pressione?
Si
No
3. Ti è mai stata diagnosticata una patologia cardiaca?
Si
No
4. Hai più di 55 anni?
Si
No
5. Soffri di Diabete?
Si
No
6. Tuo padre o un tuo parente ha mai sofferto di problemi cardiaci prima dei 55 anni ?
Si
No
7. Nei tuoi ultimi esami del sangue il livello di HDL è inferiore ai 35 mg/DL?
Si
No
8. E quello di LDL supera i 60 mg/DL?
Si
No

4 o più Si: hai un alto rischio di avere alti valori di colesterolemia. Se hai risposto si alle ultime due domande  bene che tu ti sottoponga a controlli periodici presso il tuo Medico di Famiglia. Anche se può essere legato a difetti genetici un aumento del colesterolo ematico può essere tenuto sotto controllo con un' alimentazione equilibrata, prediligendo quindi cereali integrali, frutta e verdura e cercando di mangiare pochi grassi animali. Per dubbi o informazioni più dettagliate chiedi una consulenza gratutita.

5 o più No: complimenti, non corri il rischio di una ipercolestrolemia (se hai risposto si alle ultime due domande appartieni invece alla categoria precedente). In ogni caso è sempre meglio seguire un' alimentazione sana ed equilibrata, praticare regolarmente una regolare attività sportiva ed eseguire i controlli ematici una volta l'anno.

Link Riduci

libro consigliato dal Dr. Aprile Riduci
60-consigli-anticolesterolo.gif Marie Borrel
 60 consigli anticolesterolo

 Ed. Tea - Marzo 2005 - prezzo € 7,50

Il colesterolo è diventato ormai una star. Al centro di dibattiti, di conversazioni, di articoli giornalistici, chi di noi non conosce almeno una persona che, pur curando la propria alimentazione, ha livelli alti di colesterolo? I media pubblicizzano in continuazione prodotti anti-colesterolo, mentre il mercato non fa che sfornare alimenti light. Ma il colesterolo è davvero quel mostro che minaccia la nostra salute e che può essere debellato soltanto con diete ipocaloriche e senza grassi? Marie Borrel, grande esperta di benessere, dispensa 60 preziosi consigli per fare luce su questa sostanza che, per quanto naturale – è prodotta, infatti, dal nostro organismo –, è considerata il nemico numero 1 della nostra salute. Pagina dopo pagina, ci guida nella scelta degli alimenti più sani, senza per questo farci perdere il piacere e la gioia della tavola. Ci aiuta, inoltre, a scoprire terapie naturali – piante, minerali, vitamine, rimedi omeopatici – ed esercizi fisici semplici e praticabili ogni giorno – passeggiate, ginnastica dolce, yoga –, non solo per tenere sotto controllo i valori di colesterolo nel sangue, ma anche per migliorare il nostro stile di vita, grazie ad abitudini sane e corrette per un futuro di benessere sia fisico sia mentale.


Cibi da Mangiare e da Evitare Riduci
CIBI DA MANGIARE

yogurt intero e magro,  Riso integrale,  Pane integrale, Farina, Olio, Legumi (piselli, faglioli,lenticchie, ceci, soia),  Frutta , Succhi di frutta,  Verdura, Zucchero di canna, Miele, Marmellata, Sorbetto alla frutta.

CIBI DA EVITARE

Cervello, Fegato, Rene, Milza, Bottarga, Caviale, Tuorlo d'uovo, Burro, Margarina, Olio di fegato di merluzzo, Tortelli,  Pasta frolla

Consigli per una alimetazione corretta

  • A colazione mangiate cereali integrali (Muesli
  • Mangiate almeno 2-3 volte alla settimana i legumi
  • Consumate ogni giorno verdure (sia fresche che cotte)
  • Scegliete la frutta intera invece del succo
  • Sostituite pane e pasta comuni con pane e pasta integrali
  • Provate a mangiare pasta integrale di Kamut o di Farro
  • Consumate diversi tipi di cereali integrali (Miglio, Kamut, Farro, Grano Saragolla, Grano Senatore Cappelli)
 

metodi di cottura Riduci

Carni e Pesci

Uova

Verdure

Patate

Primi Piatti

 

grigliati

in umido

lessati

cartoccio

arrosto

 

EVITARE FRITTI

 

sode

in camicia

 alla coque

in frittata cotta al forno



EVITARE FRITTI

 

bollite in poca acqua

al forno





 

EVITARE FRITTI

 

lessate

al forno

 grigliate

al vapore

in umido

 

EVITARE FRITTI

 

ASCIUTTI:

olio

pomodoro fresco o tipo pelati

sughi di verdure

IN BRODO:

brodo vegetale

brodo di carne sgrassato

tipo minestrone

NO SUGHI FRITTI


disclaimer  Riduci 

Licenza Creative Commons
Data ultima modifica 01/10/2007

   
Some Rights Reserved   Dichiarazione per la Privacy